Come inserire un riquadro colorato con l’informativa per la cookie law

Cookie Law (La legge sui Biscoti)Aggiornamento del 06/07/2015 e del 08/07/2015 a fine articolo!

Dopo alcune richieste, ho deciso di pubblicare un post differenti dai soliti di questo blog… una piccola guida su come inserire un riquadro colorato per la cookie law.

Inserire il riquadro è semplice, ma per farlo colorato conoscere un po di HTML e CSS, pane quotidiano per chi, come me, realizza anche Siti Web, ma equivalente all’Ostrogoto per chi è un semplice blogger abituato ad usare un l’editor semplificato di WordPress. 🙂

Vediamo come fare:

Passo 1: Inserire il Widet HTML

Per prima cosa, nell’amministrazione di WordPress, andiamo in “Personalizza”, selezioniamo “Main Sidebar”. Vediamo i vari widet inseriti e sotto troviamo il pulsante “+ Aggiungi un Widet”. Clicchiamoci sopra.

Cerchiamo il Widget “Testo” con sottodescrizione “Un testo o codice HTML generico” (si trova quasi alla fine). Selezioniamolo e compare la caselle più a sinistra sotto gli altri Widget inseriti.

Possiamo o meno mettere un titolo al Widget (io ho scelto di non mettere nulla), e ho inserito solo il testo, formattato con HTML e CSS nel riquadro sottostante.

Che testo mettere? Scegliete Voi. Potete anche copiare dal mio Riquadro… non vi cercherò per i diritti 😀

Passo 2: Colorare lo sfondo con codice HTML e CSS

Per colorare il riquadro, in modo che sia più evidente, come richiede la legge, ho usato il seguente codice da inserire prima del testo:

<div style="background-color: #ffaa00; padding: 5px;">TESTO_CON_INFORMATIVA_BREVE</div>

Si tratta sostanzialmente del TAG “

” con uno stile CSS “Inline”. Indico che il Colore di Background deve essere #FFAA00 e il testo deve avere un rientro di 5 pixel rispetto al riquadro colorato.

Ovviamente al posto di “TESTO_CON_INFORMATIVA_BREVE” mettete il vostro testo, con i relativi Link all’informativa estesa (OK… OK, copiate anche quella. Ma tenere presente che “sono un Informatico non un Avvocato” [semi cit.], quindi non mi assumo responsabilità su errori eventualmente presenti 🙂 )

È importante la chiusura del tag “

” messa alla fine.

Se il colore non vi piace, per decidere meglio quale usare, ecco una utile risorsa: codicicolori.com, l’importante è usare il codice indicato come “esadecimale”.

Non dimenticate di inserire nell’informativa breve (il riquadro) il link all’informativa estesa.

Non dimenticate inoltre che questo riquadro NON assolve completamente da quanto richiesto dalle leggi Italiane, ma per ora è semplicemente “meglio di niente”. Per la verità, a prescindere dal discorso WordPress.com, ad oggi non si sa esattamente se l’interpretazione dei data alla legge riguardo i cookie di terze parti, sia permissiva (cioè non non possiamo fare nulla, quindi non dobbiamo fare nulla), oppure restrittiva (dobbiamo bloccarli a prescindere fino a quando l’utente non li accetta).

Aggiornamento 05/06/2015

Dato che molti mi chiedono aiuto per inserire nel riquadro i link all’informativa è opportuno che spieghi come fare (chiedo scusa se l’ho dato per scontato 🙂 )

Il codice HTML per inserire un link è molto semplice e in questo esempio prendo in considerazione di voler cambiare il colore del link in bianco e sottolinearlo (nel mio caso è stato necessario, ma non è detto che serva… dipende dal Vostro template)

<a href="indirizzo_da_raggiungere" style="color:#0000FF; text-decoration:underline;">etichetta_da_visualizzare</a>

Per maggiore chiarezza ho colorato di rosso gli elementi che potete modificare:

I più importanti sono:

indirizzo_da_raggiungere: è ovviamente l’indirizzo (o URL per essere più Tecnici) che corrisponde alla vostra Privacy Policy

etichetta_da_visualizzare: è il testo che deve comparire e che sarà cliccabile

Per cambiare l’aspetto ho inserito il tag Style, che include color e text-decoration.

color, nel mio esempio, ha il valore 0000FF  (va preceduto dal simbolo #). Potete usare il sito codicicolori.com per trovare il colore che più si adatta; quello che ho impostato io è il Blu.

text-decoration, con il valore underline, indica semplicemente di rendere il link sottolineato.

Se questo post ti è piaciuto, metti mi piace e condividilo.

Grazie 🙂

Aggiornamento del 06/07/2015!

Finalmente WordPress.com ha rilasciato il Widget!!! 😀

Entrate in Amministrazione di WordPress, Aspetto e quindi Widget e inserite quello chiamato “EU Cookie Law Banner“.

Ci sono alcune piccole impostazioni molto semplici (magari faccio un articolo specifico per configurarlo per i meno esperti).

Una volta che abbiamo cliccato su Salva, torniamo nella pagina del nostro sito e aggiorniamola (F5), comparirà in basso il banner.

Aggiornamento del 08/07/2015!

Ho scritto un articolo sul mio sito su come occorre procedere per inserire il banner Eu Cookie Law:
www.dapinna.com/notizie/111-inserire-banner-eu-cookie-law-sui-blog-worpress-com.html
Spero sia sufficientemente chiaro 🙂

Annunci

Sono un Tecnico Informatico, ho un piccolo laboratorio dove faccio assistenza e assemblo computer. "Cose informatiche" insomma, del tutto normali. Ma a volte capitano delle storie che normali non sono. Questo Blog serve per sdrammatizzare, riderci un po su. :-)

Tagged with: , , ,
Pubblicato su support
68 comments on “Come inserire un riquadro colorato con l’informativa per la cookie law
  1. Dapinna, scusa, io avevo già inserito il riquadro colorato, ma ho usato il tag “” per inserire il bg-color (invece del “” perchè mi ci trovo male), mi puoi spiegare la differenza? Grazie. Ciao

    • scusa, intendevo dire “p” invece di “div”

      • Il “div” è più indicato per racchiudere una serie di elementi. Ma se hai ottenuto lo stesso risultato con “p” nessun problema 🙂

      • Personaggio in cerca d'Autore ha detto:

        Anche io volevo usare il “”, ma non manteneva l’attributo del colore. Il invece non teneva l’allineamento giustificato… Siccome mi servivano entrambi, alla fine ho racchiuso un (con l’allineamento) dentro un (con il colore di sfondo).

        Articolo utilissimo, comunque!
        Lo ribloggerò!

      • Purtroppo wp si ha “mangiato” i dettagli del post 🙂

      • Personaggio in cerca d'Autore ha detto:

        Ah, è vero! Nei commenti riconosce l’html…

      • Personaggio in cerca d'Autore ha detto:

        Ci riprovo…
        Anche io volevo usare il “p”, ma non manteneva l’attributo del colore. Il “div” invece non teneva l’allineamento giustificato… Siccome mi servivano entrambi, alla fine ho racchiuso un “p” (con l’allineamento) dentro un “div” (con il colore di sfondo). Non sapevo del padding, che aggiunge un po’ di margine e che aggiungerò subito!!!

        Ribadisco: articolo utilissimo!

  2. Pietro Barnabe' ha detto:

    Grazie mille per il suggerimento; ero riuscito a mettere il riquadro laterale, ma non avevo pensato al tag “div style” per modificare sfondo e colore del testo,

  3. Mr Tozzo ha detto:

    Ottime informazioni che ho già applicato sul mio blog e il post lo condivido subito.

    Credi che dal 3 giugno possiamo stare leggermente più tranquilli avendo esposto l’avviso?

    • Più tranquilli?
      Non so.
      Di fatto noi non possiamo fare nulla se non mettere un semplice avviso.

      Il problema è che non si capisce come deve essere interpretata la legge anche perché c’è discordanza tra quello che dice la legge e quello che l’ufficio del Garante, chiamato al telefono, ha risposto.
      Ecco un post su Google Plus: https://plus.google.com/u/0/+claudiodepaolo/posts/QwyE2wGySBN

      In sintesi, se passa l’interpretazione meno restrittiva, sostanzialmente il banner con l’informativa breve e il link all’informativa estesa è sufficiente (con l’unico fastidio che non è possibile farlo sparire con un click su OK).
      Se invece passa l’interpretazione più restrittiva, i cookie di terze parti (di WordPress) devono essere bloccati preventivamente… e noi attualmente non possiamo farlo.

  4. nickmurdaca ha detto:

    Ottimo! Ho inserito il riquadro nel mio blog. Grazie. Speriamo basti per schivare la mannaia del nuova normativa.

  5. guido mura ha detto:

    Sarà sufficiente che qualche simpatico delatore il prossimo 3 giugno denunci il nostro blog al garante e dovremo pagare svariate migliaia di euro. Temo sia più conveniente chiudere i blog ed eventualmente spostarci su un blog a pagamento, da gestire in autonomia e adeguare alla mutevole legislazione italiana (ed europea). Personalmente non credo che mi occuperò più di blog. Ho già l’esperienza di quando gestivo alcuni siti web della pubblica amministrazione con linguaggi (allora) lato client, fondamentalmente xhtml e css, con qualche javascript. Mi ricordo anche della faticaccia per adeguarli alle sempre più folli esigenze dei portatori di handicap. Purtroppo ora non me la sento più di fare insieme l’informatico e lo scrittore.

    • Come si dice “a ciascuno il suo lavoro…” (e non dico come finiva il detto in “Sassarese” :-D).

      Penso che le esigenze dei portatori di Handicap non siano folli, ma sia giusto permettere anche a loro di usare i siti web, specie (ma non solo) quelli della Pubblica Amministrazione.

      Quelle che tu facevi anni fa, con molta fatica, oggi usando un CMS (come Joomla! non so se anche con WordPress) si ottiene abbastanza facilmente usando un Template adeguato, così come è possibile rendere un sito “responsive” (cioè adatto ai dispositivi mobile), semplicemente usando un Template adeguato.

  6. guido mura ha detto:

    Sicuramente un non vedente deve essere messo in grado di utilizzare i servizi amministrativi on-line, ma obbligare un sito museale o bibliotecario (che forniscono servizi diversi dall’anagrafe o dallo stato civile) a descrivere ogni immagine era a dir poco idiota, anche se le norme lo prevedevano. Come puoi fare a creare una biblioteca digitale per cui sia stato già scelto (come di solito avveniva) il formato immagine, raccontando milioni di immagini (pagine di libro)? Solo trasformando tutto in formato testuale tramite ocr e facendolo interpretare da un software per non vedenti. La cosa non era fattibile né tecnicamente (spesso), né soprattutto economicamente. Esiste qualcosa che si chiama compatibilità economica, che va spesso in conflitto con un mondo ideale in cui si riesce a realizzare tutto quello che è buono e giusto. Diverso era il discorso per il progetto di OCR che avevo attivato, ma era fatto per un numero esiguo di libri e utilizzando personale volontario. Ovviamente poi ho visto che gli stessi siti di carattere culturale gestiti da da professionisti dell’informatica hanno continuato a inserire allegramente immagini (io a un certo punto le avevo eliminate), senza farsi troppi problemi di accessibilità. Le esigenze degli utenti normodotati hanno finito col prevalere, se non si voleva bloccare la visibilità del patrimonio culturale sul web.

  7. evassj ha detto:

    Mi sono permessa di copiare la tua cookie policy e l’avviso sul mio blog, ovviamente citando la fonte. Sono arrivata qui dal forum di WordPress. Ti ringrazio molto. Sono sconcertata dalla confusione che regna su questa nuova norma e sul silenzio di WordPress a riguardo. Io sono una semplice utente, ho un blog personale, da ragazzina smanettavo con la programmazione ma ora, sinceramente, non avrei né le capacità né il tempo per modificare il codice… Cosa che, tra l’altro, manco ci è concessa fare, non avendo un blog a pagamento. E’ incredibile dover avere paura di pagare una multa per un blog personale!!! Credo migrerò su blogspot, mi sembra di aver capito che lì la situazione è più chiara…

    • Ciao, sono contento che il post sia stato di aiuto 🙂

      Non so se esiste la possibilità di esportare i contenuti da WordPress a Blogspot, ma tieni presente che perderesti posizionamento e link che già puntano sul tuo sito.

      In effetti la soluzione migliore è quella di prendere un dominio + lo spazio… ma poi dovresti anche “gestire” gli aggiornamenti di WordPress.

  8. francescagoti ha detto:

    Questa storia ammetto che mette ansia. WordPress potrebbe anche fare la grazie e permetterci di mettere almeno il banner, così da farci stare più tranquilli. L’idea di chiudere il blog mi fa morire, sono 4 anni che è aperto e mi scoccerebbe molto…

  9. mariella tafuto ha detto:

    HELP! Ho inserito il Widget e creato la pagina con l’informativa estesa, ma non riesco ad inserire il link alla pagina con l’informativa. Ho usato il codice HTML per trasformare le parole o le espressioni in link che conducono ad altre pagine suggerito da wordpress e l’epressione “Cookie Policy”, nel wifget, ha cambiato colore ma non è sottolineata, e non conduce da nessuna parte!

  10. Ciao, ho visto la tua pagina ed in effetti stai sbagliando il codice (o forse wp ha troncato del codice che non riconosce… magari per un errore di digitazione.
    Attualmente hai questo codice:
    (Sostituisci i simboli “[” e “]” con i simboli minore e maggiore (nei commento vengono eliminati o interpretati)

    [a]
    Cookie Policy
    [/a]

    Lo devi sostituire con:

    [a href=”https://mariellatafuto.wordpress.com/cookie-policy/” rel=”nofollow”]
    Cookie Policy
    [/a]

  11. ViVa ha detto:

    Grazie per queste indicazioni e per aver reso disponibile le risorse gratuitamente. Il problema è proprio che molti utenti decidono di aprire un blog semplicemente perché hanno la passione per la scrittura e non si aspettano di dover avere competenze che si solito hanno i professionisti del settore. Perciò di nuovo grazie!

  12. Walter ha detto:

    Intanto ti ringrazio, e ti comunico una errata corrige… 😛

    C’è scritto informava al posto di informativa…

    E procedo a copiarti spudoratamente le cookie policy…

    (per quanto riguarda l’avvocato… mia moglie ci lavora… ) 😀

    • Grazie per la segnalazione dell’errore 🙂
      Copia pure… 😀

      Per motivi SEO penso sia utile mettere un noindex sulle pagina della cookie policy, dato che sono molti ad averla “copiata” 🙂
      (anche se ora non vedo nessuna opzione per farlo)

  13. Bruciami Dentro ha detto:

    Grazie, ho inserito il riquadro, per ora copiandolo dal tuo compresa la pagina dell’informativa completa, ora vedró di personalizzarlo come si deve
    Certo che ora mi toccherá fare lo stesso anche sugli altri miei blog…. posso dire una parolaccia, anche se poco si addice ad una signora??

  14. Franco ha detto:

    Grazie di aver condiviso la tua esperienza.Come consigliato ho “copiato” sul mio blog.
    Per non cercar rogne, anche se i biscottini noi non li “mangiamo”
    Nuovamente grazie e buon lavoro.
    Ciao
    Franco

  15. […] Law (e poi basta, spero)“. Potete vedere a fianco il box che ho “copiato” da qui, e spiego tutto in questo post:” Cosa ho fatto per essere in regola con la Cookie Law (più […]

  16. ©Elisa ha detto:

    L’ha ribloggato su Ultima spiaggia dei sognie ha commentato:
    Grazie!
    Meglio di niente … mi piace

  17. ©Elisa ha detto:

    Grazie e molto utile … lo provo ora anche io … sperando …
    cmq gira questa petizione per ora su Fb

    http://bloccailcookie.org/
    AGISCI
    Fai la tua parte per bloccare il cookie!

    TU cosa ne pensi?

    Buona serata da una nuova amica 🙂 Avere un amico informatico …
    ELisa

    • ©Elisa ha detto:

      ps, io ho due blog su word press, perdere una parte di me … mi dispiacerebbe!
      Trasferire un altra sito e impossibile dopo una lunga vita 😦

    • Ciao 🙂
      Non credo molto in queste petizioni online, anche perché spesso non funzionano nemmeno quelle istituzionali (vedi quella per cancellare la Legge Fornero).

      In realtà la situazione è meno drammatica di quel che si pensa. NON occorre bloccare preventivamente i cookie, a meno che non fai profilazione con il tuo sito o blog (“profilazione di prima parte”). Se poi ci sono Servizi di Terze parti che fanno profilazione, noi dobbiamo solo informare i visitatori con “l’informativa estesa”).

      Semmai la petizione si potrebbe fare verso wordpress.com per “spingerli” a mettere un widget come si deve per l’informativa breve e quella estesa.

      🙂

      • ©Elisa ha detto:

        Già … petizione si potrebbe fare verso wordpress.com per “spingerli” a mettere un widget come si deve per l’informativa breve e quella estesa.

        La mia testa scoppia ormai quanto ho letto qua e là 😦
        … ‘niàggia !! odio quanto rompono! …
        cmq grazie ancora …
        Buona serata s e r e n a con sorriso!
        ELisa

  18. Personaggio in cerca d'Autore ha detto:

    L’ha ribloggato su Personaggio in cerca d'Autoree ha commentato:
    Paura della Cookie Law? Non vi siete ancora adeguati?
    Ecco un’utilissima guida per implementare la cookie policy e l’informativa breve sul vostro blog…

  19. chiarachiarissima ha detto:

    Post davvero utile,grazie! Ora me lo leggo con calma e seguirò i vari step.(non essendo del mestiere i termini html e css mi mettono un po’ di ansia…:))
    Buona serata!

  20. Chiara ha detto:

    Ciao,
    grazie mille per questo post.
    Sono riuscita ad inserire il widget colorato (ho anche l’orribile banner) sempre che il tutto serva a qualcosa. Non sono però riuscita a mettere nel riquadro il link alla mia pagina privacy e cookie… saresti così gentile da spiegarmi come fare?
    grazie per la tua cortesia e il tempo che ci dedichi.
    buona giornata
    chiara

  21. D. ha detto:

    Ciao dapinna!
    Grazie, sei stato fenomenale. Al momento ho inserito il riquadro e il link alla pagina Cookie Policy del mio blog (spero tu non me ne voglia, ho seguito passo passo parola per parola lettera per lettera le tue istruzioni). Rimango in attesa di news e chiarimenti sull’argomento che potranno uscir fuori nei prossimi giorni.
    Alla fine della pagina che ho creato ho inserito anche un link che rimanda al tuo blog, spero di ripagarti con qualche visita e condivisioni!
    Buonissima giornata 🙂

  22. quartacampana ha detto:

    Salve a tutti. da giorni vengo a curiosare per capire come sistemare (parolona!) questa cosa sul blog della parrocchia. Ho scopiazzato le istruzioni e sono riuscita ad inserire il riquadro colorato laterale sul mio blog personale in blogger (lo indico solo per avere consigli: balbianblog.blogspot.it). Volevo mettere anche un ESCI con il link a nonsocosa ma non ci sono riuscita. Il banner in fondo in pratica non serve a nulla e non ci tutela da nulla: sul blog di Chiara (vedi post più sopra) c’è il tasto OK ma…non è in pratica come auto-responsabiilizzarci di qualche cosa? E’ come se implicitamente diciamo che “prendiamo atto che hai cliccato OK” (un OK che non lascia traccia da nessuna parte mi par di capire). Secondo me questa cosa i blogger che non usano cookies di profilazione la devono ignorare. Potrei dire delle scemenze, lo so. Altra nota negativa del banner informativo in testata o sul fondo pagina è che nelle versioni mobili copre quasi la metà dello schermo rendendo di fatto impossibile la navigazione.
    Per il blog parrocchiale wordpress vorrei usare lo stesso riquadro colorato inserendo sempre l’opzione ESCI. Non so se qualche anima buona può aiutare una sessantenne che si sta perdendo in questo mare… Poi farò un bel post e citerò quanti mi hanno aiutato e da cui ho attinto, promesso. Grazie, buona giornata a tutti.

    • Ciao 🙂
      purtroppo su wordpress.com, dato che non possiamo caricare script, non è possibile ottenere un pulsante [esci] o [ok] etc che possa far sparire il messaggio.
      La soluzione migliore, con le possibilità che abbiamo, anche per evitare problemi a chi naviga da mobile, è il riquadro. Pazienza (per ora) se rimane fisso.

      Preciso che la soluzione che stiamo adottando non è la soluzione migliore ma l’unica che possiamo adottare (oltre quella di trasferisci altrove)

  23. quartacampana ha detto:

    Si so che è così. Mi sarebbe piaciuto aggiungere ESCI (come ha fatto Chiara) alla fine del riquadro giallo laterale, giusto per far capire all’utente che ha la possibilità di non continuare la navigazione, ma proprio non ci riesco. Pazienza. Grazie, ciao- daniela

    • Gli utenti, anche quelli più “imbranati”, sanno che è possibile uscire da un sito internet in qualunque momento.

      Sanno che possono usare la X sulla scheda o quella globale che chiude tutto il browser… o nei casi più disperati, possono spegnere il PC strappando la spina dal muro. 😀

      Ma sanno che possono uscire dal sito senza che vengano invitati a farlo.
      Anche perché se gli metti un pulsante ESCI, sai che fanno? Escono dal tuo Blog 😉

  24. quartacampana ha detto:

    Pardon, Chiara ce l’ha sul banner. Ma credo sia possibile metterlo anche nel riquadro (ad essere capate, tutto è possibile!! ahahha). Ri-ciao.

  25. quartacampana ha detto:

    E sì, me la sono cercata. Ebbene, che strappino la spina! Ok, niente ESCI e che restino incollati al blog. Grazie per la pazienza.

  26. nusta ha detto:

    Ciao! Anche io, finita qui di link in link, ho approfittato delle tue indicazioni, davvero molto utili! Ho approfittato anche del tuo testo per la pagina di info sui cookie e ti ho indicato in calce come fonte 🙂 complimenti per il blog!

  27. Silvia C. ha detto:

    Grazie mille, stavo impazzendo dietro questa faccenda dei cookie, sei stato preziosissimo.

  28. Ross Crispini ha detto:

    Dal tuo aggiornamento a questo articolo ho letto che è disponibile il plugin per wordpress.com… Per chi, come me, ha un blog blogspot.com (quindi blogger.com), tranne la navbar di Blogger (che non blocca proprio un bel niente) non esiste nulla. Il tuo box di testo si può inserire anche in blogspot.com… io l’ho fatto e tutti i grazie che posso dirti non saranno mai abbastanza!!!! Quindi, per gli utenti di Blogger, te lo chiedo come una vera e propria supplica: non rimuovere questo articolo, ti prego!!!!!

    • Ciao…
      Non rimuoverò questo articolo 🙂

      Però mi risulta che blogspot ha già da tempo il Widget installabile… trovo strano che tu non lo abbia. Guarda meglio.

      Riguardo al “blocco”… i cookie che vanno bloccati preventivamente sono SOLO quelli tuoi di profilazione. Dato che dubito che TU abbia dei cookie di profilazione TUOI, non devi bloccare nulla, nemmeno i cookie di terze parti.

      Infatti non puoi fare da “intermediario” e bloccare preventivamente per conto dei tuoi utenti, i cookie di Terzi. O almeno questo è quello che si è capito da quella assurda legge.

      Cmq io stesso, sul mio sito normale (Joomla!) e su quello dei clienti che seguo (sempre Joomla!) ho installato un normale Plugin per far comparire l’avviso e il pulsante OK, ma nessun cookie viene bloccato preventivamente.

  29. Ross Crispini ha detto:

    Su blogspot l’unica cosa che mi risulta disponibile è la navbar di Blogger che contiene l’informativa sui cookie di Google e la relativa accettazione; navbar che non è possibile rendere visibile nei modelli a visualizzazione dinamica quindi nel caso di questi modelli Google ha messo a disposizione Cookiechoices. Oltre a questo tra i gadget disponibili non trovo niente che faccia riferimento alla cookie law!!!
    Cookie di profilazione miei nel mio blog non ce ne sono, ci sono solo quelli di terze parti, cioè i plug-in sociali e i badge di Facebook, visto che il mio blog è collegato a una pagina su Facebook. Non ci sono nemmeno i cookie dei video di YouTube, perchè li ho embeddati utilizzando la modalità di privacy avanzata.
    Io ho reso visibile la navbar di Blogger (non uso un modello a visualizzazione dinamica) e ho inserito sotto al titolo del blog il tuo preziosissimo box di testo (modificandone la larghezza) in cui avverto costantemente, qualsiasi pagina del blog visualizzano, i visitatori che cliccando elementi cliccabili del blog accettano i cookie presenti. Però non riesco a capire se sono in regola con la normativa!!!!
    Grazie ancora all’ennesima potenza per questo articolo e per la tua disponibilità 🙂

    • Purtroppo non ho approfondito la configurazione di blogspot… e ho fatto qualche prova su un mio vecchio blog (fermo da ottobre 2010 🙂 )

      In effetti non esiste un widget… ma è stata google ad inserire un banner automaticamente a tutti.

      Se vado su un qualunque sito di blogspot e clicco su OK, il banner non compare più da nessuna parte…

      Teoricamente dato che l’utente ha cliccato su OK sul banner, sul tuo sito oppure su un altro della “famiglia blogspot” è informato. Magari è utile mettere il link all’informativa.

  30. Ross Crispini ha detto:

    Per questo dico che per chi ha un blog su blogspot.com il tuo box di testo è preziosissimo: resta sempre visibile e rende possibile inserire stabilmente il link all’informativa di Google.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Fine supporto Windows Vista SP2
Tempo rimasto per il Supporto a Windows Vista SP211 aprile 2017

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 405 follower

Statistiche del Blog
  • 13,548 hits
Calendario Post
maggio: 2015
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: